[SUPERSEASON] ROUND #1 - 24H DAYTONA

La SRL SuperSeason è una serie di Eventi Speciali a punti, che in questo 2019 andrà a ricalcare il calendario delle gare più importanti e prestigiose di tutto l’anno. Partendo da Daytona, passando per Bathurst, Silverstone, Montecarlo, Spa, la Pikes Peak fino ad arrivare a Le Mans, questo campionato è dedicato a tutti gli appassionati del motorsport che le domeniche vogliono vestire i panni dei piloti che animano le gare più belle del mondo.
Rispondi
Avatar utente
Direzione Sportiva
Amministratore
Messaggi: 1314
Iscritto il: 06/07/2017, 16:52
ID PSN: SimRacingLeague

[SUPERSEASON] ROUND #1 - 24H DAYTONA

Messaggio da Direzione Sportiva » 17/02/2019, 1:46

ROUND 1 SUPERSEASON
17/02/2019 – 17:00

Immagine

DarkTrydenty
Staff
Messaggi: 243
Iscritto il: 20/12/2017, 23:40
ID PSN: DarkTrydenty
Contatta:

Re: [SUPERSEASON] ROUND #1 - 24H DAYTONA

Messaggio da DarkTrydenty » 17/02/2019, 9:06

Eccoci :)
É arrivata la domenica della prima Endurance 8-)

Spero di riuscire a portare la mia Ferrari al traguardo senza grossi danni :mrgreen:
Sarebbe già un ottimo risultato :P

IlConteSkyGTExD
Senior Manager
Messaggi: 54
Iscritto il: 28/09/2017, 8:53

Re: [SUPERSEASON] ROUND #1 - 24H DAYTONA

Messaggio da IlConteSkyGTExD » 19/02/2019, 3:08

Visto che non c'è stata Live (purtroppo aggiungerei) faccio un piccolo recap della mia gara. Inizio la settimana della gara senza acceleratore, il pedale aveva perso tensione e rimaneva accelerato. Ciccu intanto lavora su un già ottimo set, che ci permette di fare dei 41 medio alti in qualifica. Mercoledì riesco a sistemare il pedale, tensiono la molla più dura di come era quella di prima, quindi mi devo un po' riadattare.
Venerdì i primi test, siamo li con Kimi Frabob e gli altri più o meno, anche come passo gara. Entrano Feck e Piazzesinho in stanza e in party quella sera. Feck entra e fa un 41.2 così, a freddo, con la Corvette.
Io mi dico "se per caso vinco la gara senza Feck in pista avrò il dubbio per tutta l'eternità" e lo invito a fare la gara con noi. Fortuna vuole che era rimasta miracolosamente un unica Corvette disponibile, quindi nonostante le perplessità Feck decide di fare la gara con noi (grazie ancora )
Li inizia la lotta tra me e Feck che è durata sino a 6 minuti dalla fine della gara di domenica. Ciccu, essendo ormai parte integrante del codice di gioco di Project 2, nella serata di sabato riesce a ricavare ancora qualche miracoloso decimo dal setup della Aston, che ci porta in qualifica nel territorio del 40 alto. Feck d'altro canto con qualche aggiustamento fa già 40.7 o giù di lì. Kimi, Frabob, Scalvini, Bax, hanno ancora qualche problema o di setup, o di caratteristiche dell'auto o di competitività che impediscono a loro di scendere sotto la magica soglia del 41. Allo stesso tempo capisco che probabilmente avrei dovuto concedere la pole a Feck per concentrarmi al meglio sulla gara. Sabato torno a casa circa alle 2 di notte, e invece che andare a dormire mi armo di Monster Ultra White e faccio partire una gara da 2 ore da solo con la Aston. La strategia a cui ho pensato, supportata da tutti i dati e le considerazioni che mi aveva donato Ciccu, era quella di sfruttare a pieno la caratteristica migliore della Aston: il motore bestiale di cui è dotata.
Radiatore tutto chiuso, motore che scalda in fretta e cambi marcia un po' presto per evitare di danneggiare il motore durante il giorno.... Però di notte, mentre tutti gli altri soffrivano il calo di temperatura del motore (e quindi di potenza) , noi potevamo spingere al massimo facendo rimanere il motore a temperatura ottimale senza danneggiarlo. Per supportare questa caratteristica abbiamo anche optato per una strategia con un primo pit veloce (35 litri) con cambio gomme, in modo da essere leggeri e su gomma nuova per dare lo strappo durante tutta la notte e mantenere anche le gomme in temperatura spingendo al massimo. Il secondo pit lo avremmo fatto durante l'alba con giusto i litri che ci servivano e senza cambiare gomme, e l'alba ci avrebbe aiutato a riportare in temperatura le gomme.
Il test solitario in notturna è un successo, passo regolarissimo, la macchina è un Express su binari, aveva i suoi limiti nel misto ma sul Triovale riprendeva tutto con gli interessi
La strategia sugli avversari era chiara: qualificarmi come minimo secondo dietro soltanto a Feck, per poi mettergli pressione grazie alle qualità velocistiche della nostra Aston.

Arriva il giorno della gara, tensione più alta del solito. Nell'aria c'era l'impressione che questa fosse non solo una Endurance ma un banco di prova per tanti nomi importanti di SimRacingLeague. Dopo la Lega, tanti piloti arrivavano alla gara inaugurale della nuova stagione con voglia di riscatto, non mancavano i rookie di qualità con fame di vittoria, e alcuni ci arrivavano già da vincitori col compito di difendere la loro fama.
La mia unica preoccupazione era quella di passare la prima mezz'ora senza alcun tipo di contatto, non mi sarei mai perdonato se avessi buttato la gara per qualche incidente evitabile.
Prequalifica. La Aston è calda, scalpita, ho la fortuna di trovare la scia di Simomaz nel mio giro e stampo uno stratosferico 40.7, seguito a ruota da Ciccu che si piazza secondo. Feck non è in stanza con noi per le Prequalifiche ma il morale è alle stelle. Tutti i nostri compagni-rivali GTExD insieme a Scalvini, Bax e molti altri erano dietro staccati.
Qualifica. Anche la Corvette di Feck è calda, e lo dimostra stampando a gomme fredde un 41.0. Tiro la scia a Ciccu nel suo primo giro e anche lui stampa un 41.0, ma contiamo di migliorare col passare dei giri. Purtroppo però Ciccu si gira in curva 1 subito dopo e deve ripartire dai box, non potendomi più dare la scia a sua volta. Non lo aspetto, sono abbastanza sicuro di riuscire a qualificarmi almeno secondo con le mie forze, dopotutto Feck sta facendo tutto da solo. Così accade. Feck fa uno strepitoso 40.7, io replico con 41.0 mettendomi di pochi millesimi davanti al tempo precedente di Ciccu. Feck sarà circondato dalle nostre Aston in partenza, tutti gli altri a seguire.

Partenza. Parto bene (il pilota automatico mi fa partire meglio di Feck per qualche strano motivo) ma essendo esterno non affondo la staccata alla prima curva, inutile rischiare subito. Nel primo misto soffro, sfrutto la macchina al 110% per rimanere dietro a Feck che forse commette qualche piccola sbavatura, riesco a rimanere in scia e dopo la bus stop gli prendo totalmente la scia. La nostra Aston ha già scaldato il motore a differenza della Corvette di Feck, e sul traguardo del primo giro passo all'interno del Triovale ai 301 KMH. Primo posto preso, ora viene la parte delicata. Per fortuna nei giri successivi Feck ha la sensibilità di non tamponarmi nelle staccate, in cui sono più lento di lui. Nei primi giri probabilmente sarebbe scappato via se non lo avessi sorpassato subito col motore caldo alla fine del primo giro. Era la mia unica finestra e l'ho centrata appieno. Feck non riesce a trovare spazi, si affianca all'esterno di curva 1 ma è impossibile passare esterni li senza stringere e arrivare al contatto. Feck ovviamente lo sa e deve pazientare. Dietro Ciccu perde un paio di posizioni su Kimi e Samu (rookie migliore della gara), e deve anche lui stringere i denti. Faccio un po' da tappo nel misto e arriva in coda anche Kimi, che vuole passare. All'entrata della Bus stop si affianca a Feck, ma non riescono a entrare entrambi nella curva e si toccano, finendo nell'erba e perdendo posizioni. Dispiace per Feck ma è la mia opportunità per scappare via. Dietro, grazie all'incidente Ciccu torna secondo, e volente o nolente mi fa da scudo difensivo per la seguente ora e 20 di gara. Avendo provato la gara intera riesco a spingere quel decimino - due in più al giro, e soprattutto riesco a non prendere penalità, che invece rallentano il mio compagno di squadra. Da dietro, approfittando della lotta tra Ciccu e Samu con la sua Porsche, risalgono Bax e Frabob. Temo ancora Bax perché forse c'era la possibilità che con la sua Corvette potesse riuscire a risparmiare carburante fare solo una sosta. Inizio a spingere e dettare il ritmo, il distacco sale lento ma costante. Samu rompe i freni (letteralmente il pedale del freno, me l'ha scritto lui stesso dopo la gara) ed è costretto al ritiro. È una endurance a tutti gli effetti, anche per la resistenza di persone e hardware reali.
Feck rimonta fortissimo dalle retrovie, passa anche Bax e Ciccu e si riporta secondo, a circa 12 secondi da me, però la notte è già arrivata.
La Aston viaggia come un treno nella notte di Daytona e continua a raggranellare decimi su decimi anche nei confronti di Feck e la sua Corvette. A quasi un ora di gara rientriamo nello stesso paio di giri io, Feck, Ciccu e Bax. Siamo tutti su due soste, sicuramente. Io e Ciccu col pit veloce riusciamo a ripartire primo e secondo, sopravanzando sia Bax che Feck che fanno un pit molto lungo (probabilmente pieno)
Feck avendo perso la posizione su Ciccu, e avendo anche il pieno di benzina, è costretto di nuovo a dover restargli per qualche altro giro, e questo mi consente, tirando tempi record con la gomma nuova e il poco carburante, di allungare un po' più velocemente il gap, che dopo un ora e 15 circa si attestava virtualmente sui 20 secondi circa. Secondo pit all'alba, a 40 minuti dalla fine. Carburante quanto basta e via. Bax crolla totalmente e dopo poco si ritira anche, non era più un pericolo da quando eravamo sicuri che non facesse un solo pit.
Feck non si ferma e allunga la strategia. A 20 minuti dalla fine lui ha 15 secondi di vantaggio ma 2 secondi di penalità. Giusto per non lasciare nulla al caso decido di provare a colmare il gap. Decimo dopo decimo, best lap dopo best lap attivo a 8 minuti dalla fine con 5 secondi scarsi di distacco. Spingo da far schifo e siglo il giro più veloce della gara di soli 10 millesimi su Feck con gomme alla frutta. Ormai ho deciso di colmare il gap indipendentemente se avesse pittato oppure no, avevo pensato che stesse bluffando per mettermi pressione per provare a farmi sbattere, ma ho fatto comunque il suo gioco, era una bella sfida.
Continuando a spingere il più possibile però perdo il posteriore al terzo tornantino e sono costretto ad accompagnare la macchina il più delicatamente possibile nell'erba interna. Perdo 5 secondi circa e torno a 10 di ritardo. Da quel momento in poi accetto la sconfitta di quella "sfida" e rallento un po', sono abbastanza sicuro che dovrà per forza pittare di nuovo, infatti subito dopo in quel giro lo fa, e riottengo la leadership. Ho 25 secondi da gestire su Feck e 5 minuti al termine, a quel punto caccio il braccio fuori dal finestrino e mi accendo una Marlboro virtuale come solo il miglior Sard avrebbe saputo fare mentre correva e mi godo questa vittoria

Un ENORME grazie a TUTTI i piloti che hanno corso la scorsa domenica pomeriggio, un ringraziamento speciale a Ciccupeppe che è il miglior partner che qualcuno possa mai avere su Project2 a tutti i miei compagni GTExD con i quali abbiamo dominato la classifica (4 GTExD in Top 5 con 3 auto diverse, spettacolo ) e a Feck che ha reso ancora più speciale e combattuta questa gara

Ci vediamo al Bathurst, io e Ciccu saremo di nuovo pronti a dare battaglia con l'auto più ignorante del lotto

A presto!

Avatar utente
CiccupeppeGTExD
Staff
Messaggi: 79
Iscritto il: 25/09/2017, 8:00
ID PSN: Ciccupeppe_GTExD
Contatta:

Re: [SUPERSEASON] ROUND #1 - 24H DAYTONA

Messaggio da CiccupeppeGTExD » 19/02/2019, 11:50

Si ma cosi me fai scende la lacrima!! Bella bella Immagine

Rispondi

Torna a “PJC2 | SuperSeason | Race #1 17/02/2019 | IN CORSO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite