C.I. ACI ESport Gran Turismo iRacing. A Spa torna Pezzoli. In AM Gottuso specialista in Belgio

 Strategia vincente per il pilota SRC che torna al comando in classifica.
In AM Gottuso imprendibile e ora Reppucci è vicino. 

PEZZOLI NON SBAGLIA E BARONE NON MOLLA. CLASSIFICA CORTISSIMA 

Classifica che si stravolge per l’ennesima volta nella quinta prova a Spa-Francorchamps del  Campionato Italiano ESport Gran Turismo 2021 su iRacing in categoria Pro, con Camillo Pezzoli che torna al comando, pur se di misura, su Patrick Selva.

La serata inizia con delle qualifiche tiratissime, con Emanuele Petri di SRC Squadra Corse che strappa la pole a Pezzoli per soli 96 millesimi. Seguono Rocco Barone di Coanda Simsport e Selva in soli 2 decimi. In terza fila, Moreno Sirica di Williams Esports e Max Bartolotta di 3DRap – Squadra Corse a bordo di Lamborghini, prima avvisaglia che il recente BoP avrebbe riservato sorprese. 

Alla partenza, Barone brucia Pezzoli e Sirica passa Selva, mentre Bartolotta va a muro all’Eau Rouge. Dietro di loro infiamma la lotta tra le Lamboghini di Centonze di Kronos Squadra Corse e Nick Madsen di MAG-Performance SimRacing Team. Questa battaglia si protrarrà per tantissimi giri, con Larnè di North Sim Racing e il compagno di Madsen, Schlax, che non perdono il contatto, anche coi primi. Le Lamborghini volano. Al 9° giro, però, Madsen sbaglia alla bus stop, coinvolgendo Centonze che viene sfilato da Larnè e Schlax, mentre lo stesso Madsen, pur restitutuendo molto sportivamente posizione, colleziona 10 secondi di penalità dalla direzione gara.   

Quando tutto sembra doversi decidere ai box, il colpo di scena: a Stavelot, al 14° giro, Tonelli perde il controllo della sua Ferrari, ma quando riprende la pista sta arrivando Petri di gran carriera. Il pilota SRC evita il pericolo, ma deve rallentare, permettendo a Barone di balzare in testa. 

Ma le sorprese non finiscono qua. Petri si ferma al pit per primo al giro 18, mentre gli altri proseguono. Barone entra in corsia box al giro 21 insieme a Sirica e Selva, ma Pezzoli ha ancora benzina e il suo giro di overcut è vincente. Nello stesso giro, Patrick Selva commette un errore a La Source tamponando Sirica. Drive through e nona posizione. Per il pilota Williams è ancora dramma dopo la sfortuna di Zolder ed è costretto al ritiro. 

Vince Pezzoli, con l’ennesima magia strategica, ed è il nuovo leader in classifica, staccando Selva di 6 punti. Barone è secondo, ma riduce ancora il gap da Petri che chiude terzo.

Insomma, in attesa di Zandvoort, quattro piloti in soli 20 punti!.

Vediamo come è andata nel servizio di Maurizio Cairoli.

AM: GOTTUSO SPECIALISTA IN BELGIO. ora REPPUCCI E’ A SEI PUNTI

Anche in categoria AMATORI la classifica si appiattisce, con Salvatore Gottuso di SRC Squadra Corse, imprendibile in qualifica e gara, che riduce a soli 6 punti il divario in classifica con il leader Pierpaolo Reppucci di LR Racing Team.

Qualifiche in tasca a Gottuso, benchè di soli 9 millesimi sul compagno Luca Iapichino, con l’altro SRC Borin e Reppucci in terza fila. Segue Vedovelli e la Lamborghini di Dalla Valle di Absolute Motorsport, in parte rigenerata dal recente BoP.

Pronti via e Iapichino si fa subito passare da Borin e Reppucci. Gottuso vola inanellando giri veloci e mettendosi già al sicuro per il pit. Borin tiene a distanza Reppucci, lui incalzato da un Iapichino che prova la strategia del fuel saving per agguantare la terza piazza ai box. Ma un errore prima della sosta impedisce al pilota SRC di mettere a frutto la sua tattica, quindi poco carburante per ridurre il gap e via. Non fa bene i suoi calcoli, però, perchè rimane a corto di benzina proprio a pochissimi metri dal traguardo.

Poco dietro, splendida prestazione di Vedovelli e del duo Absolute Dalla Valle e Kovac, quest’ultimo su una McLaren ottimamente bilanciata. Ma è particolarmente bella la gara di Andrea Chiesa di MAG-Performance SimRacing Team, la cui BMW sembra non soffrire affatto del recente depotenziamento e, dopo una stupenda battaglia con Vittozzi di DRS Wave Italy e un pit molto anticipato, taglia il traguardo in settima posizione. 

Reppucci chiude terzo, ma sente oramai il fiato di Gottuso sul collo. Borin accorcia sui primi due rimanendo ancora in gioco, con Vedovelli che può iniziare a fare calcoli per le posizioni al podio. 

Tra due settimane a Zandvoort una delle gare più dure della stagione anche nella categoria “cadetta”.

SHARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Translate »