iRacing | Alla 240 du Mans è spettacolo puro. Volano Muia e Cigoli . Groenen e Beasor stoici.

Grande successo per l’esordio del Le 240 du Mans organizzata da SRL su iRacing. Massa e Marcenò fermati da un problema ai box. Rimonta epica di Nespolino.

O la ami o la odi.
Molti la temono, sicuramente tutti la rispettano. Perché il circuito della Sarthe, con i suoi 13620 metri, è sicuramente l’icona del Motorsport, da sempre.

Nei suoi quasi 100 anni di storia, è stata teatro di eventi che rimarranno indelebili nella storia delle gare automobilistiche: vittorie leggendarie, tragedie immani, sportive e non, nascita di stelle e affermazioni di Piloti già plurivittoriosi in altre categorie ed in altre piste. Ma è questo il segreto della Sarthe. Non puoi dirti campione vero, se non sei passato da qui; se non hai il tuo nome inciso nella targa commemorativa.

Il 24 Giugno 2018, proprio sul circuito della Sarthe, ha preso il via una gara altrettanto epica. 31 equipaggi – tra cui piloti italiani, americani, spagnoli, tedeschi, svizzeri, francesi, inglesi e greci, a bordo delle tre GTE messe a disposizione dal simulatore che, lo ricordiamo sono la Porsche RSR, la Ford GT2017 e la Ferrari 488 GTE –  si sono dati battaglia per scrivere la storia del Sim Racing. E SimRacingLeague Tv ha raccontato le loro gesta con una diretta Live di oltre 4 ore, tanto è durata la gara: la 240 minuti du Mans, appunto.

Gara tutt’altro che scontata sia per la qualità dei Piloti in pista che per le bizze dei sovraccarichi server di iRacing: già dalle prove libere si era capito il potenziale di Giuseppe Muià (Porsche RSR – Team ProdriveShop Le Mans GTE 991 in coppia con Jacopo Cigoli) che non si è smentito ne in Qualifica (poleman) ne in gara (giro veloce di gara in 3:47.619); in testa per la maggior parte dei 240 minuti di gara, il suo Team si è dovuto difendere solo dalla velocissima coppia Massa e Marcenò (Ford GT2017 – ProdriveShop iRacing Team) che nel secondo stint (con alla guida Marcenò) è riuscita a guadagnare la testa della classifica, salvo poi doverla cedere a causa un probabile bug che ha allungato la loro sosta ai box, compromettendo di fatto l’intera la gara. A nulla è valsa la loro incredibile rimonta (quarti al traguardo) per la costanza degli equipaggi che li hanno preceduti. Su tutti l’eroica gara di J. Groenen (Ferrari 488 GTE – BerlinSimSport #48) e L. Beasor (Porsche RSR – Pink Pig Motorsport) che hanno affrontato tutta l’endurance senza team mate.


Ottima la prestazione di un’altra coppia di piloti del Team ProDrive Shop, Spinoso e Nadalini (Porsche RSR – ProdriveShop iRacing Team), quinti alla bandiera a scacchi dopo aver dimostrato di poter ampiamente lottare alla pari con i primi della classe, nonché della coppia Tartari e Papa (Ferrari 488 GTE – TeamGT), sesti nella final standing e autori di una gara maiuscola, caratterizzata da costanza e velocità.

Una menzione di merito per Nespolino (Ferrari 488 GTE – TeamGT Doxal): primo stint di gara da parte del Team mate, Mirko Salati, vittima però di una disconnessione dal server proprio quando occupava la quinta piazza. Nespolino non si perde d’animo e con una gara tutta all’attacco, costellata da tempi da prime posizioni, recupera fino alla settima posizione finale, guidando per ben 3 ore e 45 minuti consecutivi.

Le posizioni immediatamente di rincalzo sono state occupate da Blanco/Hevia (Porsche RSR – SODE Competición Endurance #113), ottava piazza, Arcidiacono/Olivieri (Porsche RSR – Team RR-Racing) in nona posizione e Fontana/Tessitore (Ferrari 488 GTE – VeraPelle iRacing Team I) in decima. Molti Team, pur accreditati di ottimi tempi sul giro e composti da piloti che potevano sfoggiare un iRating significativo, hanno dovuto misurarsi con incidenti nei primi giri o guasti imprevisti che ne hanno condizionato gravemente la gara: Mills/Gutierrez (Ferrari 488 GTE – FritoSport Endurance), undicesimi al traguardo, Pizzetti/Cesana (Porsche RSR – VeraPelle iRacing Team II) 14°, Sangalli/Caserta (Ferrari 488 GTE – Absolute Motorsport) 15°, Deligia/Cireddu (Porsche RSR – Due Quarti di Mori) 16° e Andreini/Solbiati (Porsche RSR – PRODRIVESHOP.COM//BLUE). Degna di nota, infine, la prova dei debuttanti del Team eRacing, Tortorella/Colacione (Ford GT2017 – eRacing Team Lions) e Figuccio/Di Natale (Ford GT2017 – eRacing Team Tigers), alla prese con alcune difficoltà tecniche, un simulatore impegnativo e una gara Endurance.

Nel complesso è stata una gara divertente, animata dal duello prima ravvicinato e poi a distanza tra le coppie Muià/Cigoli e Massa/Marcenò, dalla costanza dei lonely drivers Groenen (il “metronomo”) e Beasor, dall’incredibile rimonta di Nespolino (dalla 26esima alla settima piazza finale) ma soprattutto dall’estrema correttezza dei Piloti in pista e dalla caparbietà di tutti quegli equipaggi che pur affrontando una gara in salita per guasti meccanici o di “elettronica”, in pieno stile Endurance, hanno riparato l’auto e proseguito la gara seppur con molti giri di distacco.
I contatti in pista non sono mancati – stiamo pur sempre parlando di Motorsport – ma tutto nei limiti ragionevoli di quello che è rappresentato ed accettato in una gara di questo tipo. Ulteriore nota finale, nessun Team squalificato per eccesso di incs.

Va quindi in archivio questa prima esperienza di SimRacingLeague in ambito di Endurance con iRacing e, pur certi che a livello organizzativo il margine di miglioramento è ampio, la soddisfazione dei piloti che alla fine di una estenuante gara hanno dichiarato di essersi divertiti, è stata il miglior riscontro possibile.

Un grazie va naturalmente alla regia e alla cabina di commento per la diretta Live sul canale YouTube di SimRacingLeagueTV e a tutti gli appassionati di Sim Racing che si sono divertiti a guardare e commentare la gara in diretta.

La stagione non è ancora terminata, a breve verrà ufficializzata una nuova proposta di SimRacingLeagueTV in collaborazione con il TeamGT Doxal, quindi state sintonizzati e arrivederci a presto!

Stay Tuned!

SHARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Translate »